Notizie

La «Luce Verde» per una neutralità ambientale per lo sviluppo aziendale da Lisbona a Vladivostok

La «Luce Verde» per una neutralità ambientale per lo sviluppo aziendale da Lisbona a Vladivostok
Esperti europei ed euroasiatici hanno discusso approcci comuni su questioni chiave affrontate in European Green Deal e iniziative dell’UEE.

Il 3 marzo 2021 si è tenuta la prima riunione della Task Force GreenDeal creata nell'ambito dell'iniziativa «Lisbona-Vladivostok». Nel formato di videoconferenza, più di venti autorevoli esperti nell’ambito dell'ecologia e del business da Austria, Armenia, Germania, Italia, Kazakistan, Russia, Francia, così come i rappresentanti delle più grandi associazioni imprenditoriali industriali che sostengono L'iniziativa «Lisbona-Vladivostok», hanno discusso gli approcci generali per armonizzare le attività svolte dall'UE e dall’UEE sulla strada verso la neutralità climatica e una drastica riduzione delle emissioni di gas serra nell'atmosfera entro il 2050.
I dirigenti Task Force GreenDeal Johannes Mayer (Agenzia per l'ambiente Austria) e Ernesto Ferlenghi (Presidente del Comitato per l'energia dell'Associazione delle imprese europee, vicepresidente esecutivo di Confindustria Russia) hanno presentato una panoramica delle tematiche affrontate dalle imprese dell'UE e dell'UEE sulla strada per lo sviluppo sostenibile e la neutralità ambientale.
Il Signor Mayer ha dichiarato: «The European Green Deal trasforma l'economia dell'UE per un futuro sostenibile, promuovendo un'energia pulita ed efficiente, assicurando un ambiente sano, con transizioni tecnologicamente intelligenti e socialmente eque verso un'economia decarbonizzata». Secondo Ernesto Ferlenghi, è importante mantenere l'attenzione sull'obiettivo aziendale di ridurre l'inquinamento ambientale: «Tutti i paesi dovrebbero monitorare le emissioni. Questo è un compito impegnativo, ma necessario per raggiungere la neutralità ambientale. Il business deve iniziare a farlo». Ulf Schneider, Presidente del Consiglio di amministrazione dell'Iniziativa Lisbona-Vladivostok ha sottolineato: «La nostra iniziativa per creare uno spazio economico comune è stata sostenuta da aziende che sentono la loro responsabilità per il pianeta. Green Deal è un apriporta per avviare una discussione tra l'UE e l'UEE».
Esperti di organizzazioni come Eurasian Development Bank, Severstal, WILO, REHAU, Schneider Electric, e altri hanno condiviso le loro opinioni e visioni sul Green Deal, così come esempi pratici di successi aziendali. Gli esperti hanno notato l'esistenza di sfide comuni nel raggiungimento neutralità ambientale, hanno evidenziato i possibili settori di cooperazione tra l'UE e l'UEE, e hanno anche delineato le direzioni principali per l'inclusione nel documento di posizione.
La presentazione del position paper della Task Force GreenDeal è prevista alla conferenza all'interno del quadro dell'iniziativa Lisbona-Vladivostok, che si terrà a Lisbona nel mese di giugno 2021.

Informazioni sull'iniziativa Lisbona-Vladivostok:
Nel 2015 è nata un'iniziativa negli ambienti commerciali europei per promuovere l'idea di creare uno spazio economico unico sul territorio dell'Unione Europea (UE) e dell'Unione Economica Eurasiatica (UEE) – l’iniziativa imprenditoriale Lisbona-Vladivostok. Il fondamento dell'iniziativa è la necessità della comunità imprenditoriale di integrazione economica ed espansione dell'interazione economica nello spazio eurasiatico. L'iniziativa unisce già insieme più di 100 aziende, così come le principali associazioni di business da 12 stati membri dell'UE e dell'UEE. Nel 2020, l'iniziativa ha ricevuto il suo design organizzativo sotto forma di organi di lavoro: il consiglio e un numero di gruppi di lavoro di esperti in settori specifici. Eventi dedicati alla divulgazione e ulteriore promozione dell'Iniziativa si svolgono su base regolare. I partecipanti agli eventi organizzati nell'ambito dell’Iniziativa sono imprenditori e proprietari di aziende, funzionari e membri autorevoli della comunità di esperti.