Notizie

Nuova collaborazione fra Confindustria Russia e l’amministrazione della Regione di Mosca

Ieri, in data 2 Aprile, il presidente di Confindustria ha partecipato ad un incontro di lavoro
con il vicegovernatore della Regione di Mosca Vadim Chromov.
Durante l’incontro le parti hanno discusso molteplici possibili strategie per favorire la
collaborazione fra aziende italiane e russe, nel territorio della Regione di Mosca. Questa,
infatti, coinvolge compagnie estere per la realizzazione di grandi progetti, garantendo
condizioni favorevoli per il business.
Secondo Ferlenghi, la riduzione delle tasse sarebbe un valido strumento per aumentare gli
investimenti, cosi come la creazione di zone economiche speciali, parchi industriali e
contratti di investimento speciali.

‘’L’amministrazione della regione di Mosca sta lavorando in maniera seria e sistematica al
fine di attirare compagnie straniere, le cui competenze e tecnologie possono apportare un
contributo importante allo sviluppo della regione.
Si nota un alto interesse da parte delle aziende italiane per questa collaborazione,
evidenziato dalla crescita del commercio fino a 1,2 miliardi di dollari nel 2018 ", ha
dichiarato il presidente di Confindustria Russia.
Un tema fondamentale, affrontato dalle parti, è stata l’organizzazione di missioni
imprenditoriali. Quest’anno Confindustria Russia insieme alla regione di Mosca esaminerà
la possibilità di organizzare per le aziende italiane dei viaggi sul territorio della regione per
far conoscer loro possibilità di investimento.
Inoltre, durante l’incontro tra Chromov e Ferlenghi sono state affrontate le questioni della
localizzazione nel territorio della regione di Mosca di una serie di nuove imprese italiane, e
l’ampiamento delle produzioni già presenti all’interno della regione.

Nota
L’Italia rientra nella top 5 dei maggiori partner commerciali esteri della regione di Mosca.
L’interscambio tra la regione di Mosca e l’Italia negli ultimi anni è cresciuto
significativamente. Se nel 2015 il valore di scambi era di 800 milioni di euro, già dalla fine
del 2018 ha raggiunto 1,2 miliardi di euro. Oggi sul territorio della ragione di Mosca sono
presenti più di 50 aziende con partecipazione di capitale italiano, che operano
principalmente nel settore alimentare e nella produzione di materiali da costruzione.