Eventi

Prospettive macroeconomiche della Russia e dei mercati internazionali

Giovedì 12 luglio 2018 si è tenuto presso la sede centrale moscovita della banca UniCredit il seminario “Russian economy in 2018-2019: out of the mainstream”, incontro organizzato da Confindustria Russia in collaborazione con UniCredit Bank che ha visto in qualità di speaker l’economista Artem Arkhipov. Dopo un iniziale saluto da parte dell’amministratore delegato di UniCredit, Mikhail Alekseev, che ha brevemente ripercorso i momenti chiave del grandissimo successo della banca italiana in Russia (secondo Forbes una tra le due banche più affidabili nella Federazione), la parola è toccata ad Alfredo Gozzi, direttore di Confindustria Russia, per un breve discorso introduttivo e di ringraziamento.

L’attenzione del pubblico si è concentrata poi sul Dott. Arkhipov, il quale, nel corso della sua presentazione, ha espresso la sua interpretazione professionale dei principali dati macroeconomici della Russia nel 2018 e i possibili scenari del mercato a medio termine.

L’economia russa sembra trovarsi in una sorta di equilibrio temporario, caratterizzato da un basso livello di crescita ma da un buon indice di prevedibilità, almeno fino al 2019. Il governo, infatti, non sembra voler adottare politiche macroeconomiche innovative che, garantirebbero una crescita maggiore al prezzo di maggiori rischi. Rimangono, tuttavia, alcune incertezze soprattutto per quello che riguarda le possibili misure che il governo e la Banca Centrale potranno adottare, ad esempio, in materia di inflazione (le stime la danno al 4% per fine anno), di finanze statali e fondi sovrani.

Ora come ora, dunque, sembra difficile dare giudizi univoci sulla bontà delle misure intraprese, sebbene vi siano lievi segnali positivi, soprattutto da parte di un ristretto gruppo di regioni che presentano buoni indici di crescita e di attività imprenditoriale.

A seguito dell’interessante presentazione, durante la parte dedicata al Q&A, attraverso le domande di alcuni ospiti sono stati ulteriormente approfonditi alcuni punti chiave della presentazione dell’economista.